Valérie Hoffenberg, Presidente di Connecting Leaders Club

Nata a Marsiglia, laureata in Giurisprudenza e Comunicazione, Valérie Hoffenberg è una donna impegnata con una grande esperienza nel mondo del business, del lobbying e della politica, in Francia e all’estero.

Dopo una carriera politica come inviata speciale per il processo di pace in Medio Oriente nel governo di Nicolas Sarkozy e cinque anni come rappresentante di Parigi, ha deciso di creare nel 2013 il Connecting Leaders Club, un’organizzazione di consulenza per imprenditori ed istituzioni, che offre un accesso veloce, unico e privilegiato ad una rete internazionale di alto livello. È Cavaliere nell’ordine nazionale della Legione d’onore.

Dopo il successo delle sue conferenze ed eventi in Francia, nel 2015 ha deciso di espandere le sue attività in tutto il mondo e aprire la filiale israeliana del Connecting Leaders Club.

Club Italia-Francia : in qualità di rappresentante sociale del processo di pace, il suo ruolo era di sostenere qualsiasi progetto di promozione della pace tra gli uomini, principalmente in Medio Oriente e nel Mediterraneo. A che punto si trova il dialogo tra Europa, Medio Oriente e Stati Uniti? In pochi anni, come sono evoluti gli equilibri geopolitici?

Valérie Hoffenberg : l’accordo di Barack Obama con l’Iran ha profondamente sconvolto l’equilibrio geopolitico del Medio Oriente. L’Arabia Saudita e gli Emirati si sentirono traditi dagli americani e di fronte alla minaccia di un Iran dotato di armi nucleari, hanno sviluppato relazioni con Israele, sconvolgendo notevolmente la geopolitica della regione. Questa nuova alleanza di circostanze indebolisce i palestinesi, in particolare l’autorità palestinese che conta sul finanziamento saudita. Allo stesso tempo, i rapporti tra Turchia e Israele si stanno deteriorando. La Turchia ora sostiene i palestinesi a Gaza. La guerra in Siria segna anche il ritorno della Russia nella regione. La presenza di soldati iraniani al confine israeliano è fonte di preoccupazione per Israele, che tuttavia è riuscito a stabilire un accordo con la Russia che, pur sostenendo il regime di Bashar al-Assad, consente a Israele di intervenire in Siria per proteggere i tuoi interessi vitali.

L’elezione di Donald Trump è un rafforzamento delle relazioni tra Israele e Stati Uniti. L’installazione dell’Ambasciata americana a Gerusalemme è stato un simbolo molto forte. L’influenza dell’Europa si sta indebolendo oggi per quanto riguarda il conflitto israelo-palestinese. Lo sviluppo del terrorismo in tutta Europa ha anche cambiato la percezione dell’opinione pubblica nei confronti di Israele, una situazione che ingloba il tema della sicurezza di Israele stesso. Il conflitto palestinese che ha scosso gli europei è passato in secondo piano. Se rimane la necessità di trovare una soluzione a questo conflitto, la situazione rimane molto complessa. Il popolo palestinese è oggi profondamente diviso, la Cisgiordania sta vivendo un certo sviluppo economico, un calo della disoccupazione che consente l’emergere di una classe media che ha tutto l’interesse a mantenere la calma nel suo territorio. Al di là delle dichiarazioni politiche a volte violente tra i leader israeliani e palestinesi, non dobbiamo sottovalutare le importanti collaborazioni nel campo economico e della sicurezza. D’altra parte, Gaza amministrata da Hamas rimane una polveriera. È quindi difficile trovare un interlocutore rappresentativo e credibile per negoziare accordi di pace.

“Le nostre periferie sono polveriere dove abbiamo permesso che si sviluppasse l’odio contro l’Occidente. Siamo entrati in una quarta guerra mondiale che trova la sua ideologia nell’islamismo e nell’odio per la modernità. “

D’altra parte, se per lungo tempo i conflitti del Medio Oriente sono stati importati in Europa, stiamo assistendo a un’inversione della situazione. Sempre più europei di discendenza musulmana stanno andando in Medio Oriente per ingrossare le fila delle truppe di Daesh. I nostri sobborghi sono polveriere in cui abbiamo lasciato che si sviluppassero le ideologie salafiste e l’odio per l’Occidente. Siamo in qualche modo entrati in una quarta guerra mondiale che trova la sua ideologia nell’islamismo e nell’odio per la modernità. È una guerra contro la modernità occidentale, ma anche contro ogni tentativo di modernità nei paesi musulmani. Il mondo occidentale deve vincere questa guerra contro l’oscurantismo. Ma poiché nulla è semplice, è necessario conciliare i paradossi … combattere l’oscurantismo con l’alleanza con Arabia Saudita …

“Per ogni euro speso in sicurezza, dovremmo spendere un euro per l’istruzione, che è la chiave per vivere insieme. “

Club Italia-Francia : al momento assistiamo a un profondo divario economico, sociale e culturale, a una recrudescenza della violenza. C’è anche una divisione religiosa secondo lei? La coesione nazionale, il dialogo interculturale, le soluzioni della cultura europea sono delle valide soluzioni per costruire un modello virtuoso e evolvere insieme?

Valérie Hoffenberg : L’ascesa del populismo in Europa è legata alle divisioni economiche, ma anche culturali e di sicurezza. Al di là delle questioni economiche, la politica migratoria di Angela Merkel e la crisi dei rifugiati hanno contribuito alla elezione dei 5 stelle in Italia, all’ascesa dell’estrema destra in Germania, alla Brexit e alla presenza di Marine Le Pen al secondo turno delle elezioni presidenziali francesi. Non dobbiamo sottovalutare il senso di insicurezza culturale e di identità dei popoli europei che, di fronte alla minaccia islamista, desiderano mantenere il loro stile di vita e la loro cultura. Se il dialogo interculturale deve prevalere, ci devono essere fermezza e misure di sicurezza. Bisogna trovare un equilibrio tra istruzione, cultura, sicurezza e fermezza. Per ogni euro speso in sicurezza, dovremmo spendere un euro per l’istruzione, che è la chiave per vivere insieme.

Club Italia-Francia : “L’Europa è protettiva, portatrice di speranza, una speranza tanto desiderata da tutti gli altri popoli del mondo”: come definirebbe nel contesto attuale l’identità europea e il ruolo dell’Europa nel mondo, a livello politico e culturale?

Valérie Hoffenberg : Voglio iniziare col dire che l’Europa protettiva non deve essere uno slogan , ma una realtà. L’Europa, oggi, non protegge abbastanza la sua popolazione da una nuova guerra che stiamo combattendo contro il terrorismo. Deve mostrare la sua efficacia su questioni economiche, specialmente di fronte all’egemonia dei GAFA. L’Europa è un enorme mercato economico con una popolazione altamente istruita che ha mantenuto la pace sul suo territorio dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Deve imperativamente assicurare la sua difesa militarmente ed economicamente per mantenere gli equilibri nei confronti degli americani, nostri alleati, e dei nuovi giganti cinesi e indiani. L’Europa è il frutto di una storia che è allo stesso tempo dolorosa e piena di speranza. Dobbiamo fare tutto il possibile per preservare la nostra cultura e il nostro stile di vita.

Club Italia-Francia : quale risposta dare di fronte all’ascesa del populismo e dei nazionalismi in Europa, la paura degli altri e la chiusura in noi stessi?

Valérie Hoffenberg : Come ho detto prima, dobbiamo investire sia nell’istruzione che nella sicurezza. Dobbiamo anche fermare il “politicamente corretto” che ci ha impedito di fornire risposte sulle questioni relative alla migrazione, lasciando questo argomento all’estrema destra.

Il movimento dei “gilets gialli “non avrebbe mai potuto esistere senza i social network, ciò ha permesso agli” invisibili della Repubblica “, quelli che non abbiamo sentito e che non abbiamo visto per molto tempo, di far conoscere le loro difficoltà e le loro rivendicazioni. “

Club Italia-Francia : gli operatori economici stimano a 1 miliardo di euro le perdite dall’inizio del movimento dei “gilets gialli”. Rivolta sociale, economica o politica? Quale risposta per calmare le tensioni? Il dialogo sarà sufficiente?

Valérie Hoffenberg : questa crisi dimostra ancora una volta la difficoltà di governare un paese con aspettative diverse e talvolta opposte. Il movimento dei “gilets gialli” non avrebbe mai potuto esistere senza i social network. Ha permesso agli “invisibili della Repubblica”, quelli che nessuno ascoltava e vedeva, di far conoscere le loro difficoltà e le loro rivendicazioni. Dobbiamo esserne comunque contenti. D’altra parte, i social network si lasciano guidare dalle passioni e proprio per questo, non dovrebbero sostituire le regole democratiche. Nulla sostituirà la legittimità data ai rappresentanti eletti alle elezioni. Vorrei aggiungere che la crisi dei “gilets gialli” è anche una crisi di fiducia nelle élite e nelle loro capacità. A differenza di ciò che ci fanno credere i media, non tutte le opinioni possono avere peso eguale. È necessario sapere distinguere il valore del discorso dell’economista e quello del semplice opinionista.

Club Italia-Francia : questa crisi arriva 18 mesi dopo l’elezione di Emmanuel Macron alla Presidenza della Repubblica. Lei è stata vicina a Nicolas Sarkozy per anni. Qual è la sua opinione sulla fine del quinquennio?

Valérie Hoffenberg : Siamo a 18 mesi, che è l’inizio del periodo di cinque anni. L’elezione di Emmanuel Macron ha contribuito durante il primo anno a promuovere la Francia all’estero. Continuo a pensare che le riforme messe in atto dal Presidente il primo anno siano state positive per il nostro paese. Tuttavia, qualunque sia la sua intelligenza e visione, il Presidente ha mostrato tutta la sua inesperienza politica. Screditando le parti sociali e indebolendo i corpi intermedi, si è trovato solo di fronte al popolo. Dovrà ricostruire la sua legittimità in un panorama politico completamente frammentato, che non consente più ai francesi di sentirsi rappresentati dai loro eletti. La sua sfida sarà quella di mantenere il suo slancio riformatore, dando una prospettiva a coloro che temono la globalizzazione e temono di non trovare il loro posto in questo mondo che cambia.

“Sono estremamente preoccupata per l’impatto dei social network sulle nostre democrazie. L’educazione deve essere il reattore nucleare delle nostre democrazie, perché dobbiamo incitare le persone a far fronte e a prepararsi ad un mondo in profondo cambiamento.”

Club Italia-Francia : i suoi impegni abbracciano la lotta contro la discriminazione, la diversità, l’istruzione e l’impegno delle donne per la pace e il dialogo. Quali sono le sue maggiori preoccupazioni per il 2019?

Valérie Hoffenberg : Sono estremamente preoccupata per l’impatto dei social network sulle nostre democrazie. Dobbiamo rileggere Hannah Arendt che ha descritto così bene come il vuoto del pensiero sia all’origine del totalitarismo. Il pensiero binario sviluppato sui social network e l’immediatezza della reazione rendono la riflessione, elemento necessario in un mondo sempre più complesso, sempre più difficile. I social network consentono l’espressione di sentimenti estremamente violenti, come il razzismo, il sessismo o l’antisemitismo. La lotta contro la discriminazione e la promozione della diversità devono iniziare a scuola. L’educazione deve essere il reattore nucleare delle nostre democrazie, perché dobbiamo incitare le persone a far fronte e prepararsi ad un mondo in profondo cambiamento.

“Per quanto riguarda la fiducia in se stessi, la scuola deve cambiare il suo insegnamento per migliorare il lavoro di squadra, discutere, assumersi dei rischi e quindi, suo corollario, accettare il fallimento. “

Club Italia-Francia : lei si occupa di questioni relative all’uguaglianza di genere. Come donna, imprenditrice e madre di tre figli, qual è la sua ambizione per quanto riguarda il ruolo delle donne nel mercato del lavoro? Come insegnare la fiducia nel proprio potenziale?

Valérie Hoffenberg : tutti gli uomini e le donne devono avere le stesse possibilità di scegliere quali studi intraprendere, e la stessa possibilità di successo nel mondo del lavoro. Nessun campo dovrebbe essere vietato all’ uno o all’altra. Per le imprese, è essenziale rendersi conto che l’accesso delle donne a posizioni di responsabilità e pari retribuzione non sono solo misure per le donne, ma strumenti per una migliore governance e migliori risultati economici. È necessario evidenziare il ruolo dei modelli femminili di successo nei libri di testo, ma anche nello spazio pubblico. La parità di retribuzione e la lotta alla violenza contro le donne devono essere prioritarie. Per quanto riguarda la fiducia in se stessi, mi sembra che la scuola, specialmente in Francia, dovrebbe modificare il suo insegnamento per migliorare il lavoro di squadra, discutere, assumersi dei rischi, e quindi suo corollario, accettare il fallimento.

“Ambiente e crescita economica possono andare di pari passo. “

Club Italia-Francia : la Generazione Z chiede alle aziende maggiore responsabilità sociale, più etica, impegno e trasparenza. Qual è la sua definizione di sviluppo sostenibile e quali sono le sue proposte?

Valérie Hoffenberg : Per me la crescita verde deve promuovere un’economia che sia in grado di conciliare la visione a lungo termine e le questioni sociali a breve termine, per dimostrare che l’ambiente e la crescita economica possono andare di pari passo.

Club Italia-Francia : lei conosce ed ha un contatto privilegiato con molti decisori politici ed economici. Chi ha il progetto più ambizioso per il 2019 e chi può fare la differenza?

Valérie Hoffenberg : Non credo che esista una donna o un uomo provvidenziale, né tantomeno un’azienda capace di cambiare il panorama attuale; ma credo nelle dinamiche di squadra. Per me, il progetto più importante per l’anno 2019 è in mano ai popoli europei, che dovranno votare per dare all’Europa i mezzi per rispondere alle principali questioni globali. Per ricostruire questo vincolo di fiducia, i leader europei devono iniziare dimostrando la loro utilità e chiedendo che i GAFAM paghino le tasse dove creano ricchezza.

Intervista a cura di Chloé Payer

Segui il Club su:

Privacy Policy Cookie Policy